Pandemia: la Fondazione Gates e il caso Peter Piot

Probabilmente molti fanno fatica ad immaginare come un  gruppo relativamente ristretto di persone, benché ricche e potenti possa costruire un’intera narrazione planetaria ed è proprio questo senso di incredulità che ha permesso di superare le difese che la realtà pone sempre alla mistificazione facendo prevalere una menzogna globale. Del resto proprio gli enormi arricchimenti degli ultimi decenni, favoriti dal neoliberismo senza più freni, hanno favorito la creazione di reti integrate, fra Ong, multinazionali, università, agenzie governative, fondazioni, media, finanza e organizzazioni internazionali, sia nella sanità che in altri settori le quali permettono di creare una realtà parallela. Uno dei tanti esempi possibili, per concretizzare le cose e  mostrare nella pratica come funziona questo meccanismo, è quello di Peter Piot un microbiologo belga che in passato ha avuto un ruolo importante nella scoperta del virus Ebola e soprattutto nella ricerca sull’Aids, cosa quest’ultima che lo ha posto nel circuito di chi conta e in quello dei soldi di cui uno dei gestori principali era Fauci: nessuno ormai può negare che è all’ Hiv e alla ricerca di un vaccino mai trovato che risale tutto il filone della virologia deviata da cui è nato il Sars Cov 2.  Bene  Piot è Senior Fellow della Bill & Melinda Gates Foundation dal 2009, ha diretto in passato  l’ Accademia tedesca per le scienze naturali Leopoldina e un settore del Robert Koch Institut che è la maggiore istituzione sanitaria tedesca, quella tanto per intenderci , a cui la Merkel affidò il compito di fare le previsioni più nere possibili sulla pandemia in maniera da poter creare il regime di segregazioni. E del resto sempre lui è stato direttore nel 2010 del famigerato Imperial College di Londra  dal quale sono usciti negli ultimi vent’anni i più catastrofici allarmi pandemici ( con miliardi di dosi di vaccini rimasti inutilizzate ) e anche in questa occasione è stato decisivo nel creare un allarme completamente sproporzionato ( vedi qui )

Piot è anche docente nonché direttore della London School of Hygiene & Tropical Medicine che negli ultimi 10 anni ha ricevuto 185 milioni di dollari dalla fondazione Bill e Melinda Gates e altri 165 milioni di sterline dalla Wellcome Trust ovvero il braccio caritatevole della omonima azienda farmaceutica. Ma egli  è anche membro della Fondazione Novartisanalogo braccio “filantropico” di quest’ altro gigante farmaceutico. E tanto per completare l’opera è stato nominato consigliere diretto di Ursula von der Leyen, la commissaria europea, per la pandemia di Covid-19, consigliandola in maniera così razionale da farle acquistare quasi due miliardi di dosi in più rispetto a quelle necessarie poco prima che  dilagassero le magagne su questi preparati. Come si può facilmente vedere un solo uomo ha le mani in pasta dovunque essendo anche anche un uomo di Bill Gates. Ma se qualcuno pensa che sia finita qui si sbaglia. Infatti la moglie di Piot, Heidi Larson lavora presso l’Università di Washington nel Dipartimento di salute globale, ovvero in uno degli Atenei che ricevono più soldi dalla fondazione Gates e del resto il presidente del dipartimento di sviluppo globale della Bill & Melina Gates Foundation, Elias, siede nel comitato consultivo dell’università. Heidi Larsonha anche avviato il Vaccine Confidence Project, una  Ong che si dedica ad aumentare la fiducia nei vaccini, progetto sovvenzionato dall’Organizzazione mondiale della sanità di cui sempre la fondazione Gates è uno dei maggiori finanziatori, dalla Federazione europea delle industrie e delle associazioni farmaceutiche (Efpia) , da Johnson & Johnson e da GlaxoSmithKline. A questo potremmo aggiungere che Emer Cooke, attuale capo dell’Agenzia europea per i medicinali, l’Ema,  è stato precedentemente anche capo della controparte, ossia dell’Epfia.

Insomma una sola coppia porta, forte delle proprie relazioni e del proprio prestigio, le istanze e le visioni della fondazione Gates nonché di molte multinazionali del farmaco presso centri decisionali di mezzo mondo e di certo non si prende da 12 anni un lauto contributo per esprimere il proprio pensiero e non quello del padrone.

Articolo tratto da QUI

Pandemia: Bill Gates e il caso Peter Piot | il Simplicissimus (ilsimplicissimus2.com)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...